AVVISO IMPORTANTE

Sede e date: Milano, 27-28 maggio 2018
  • Accreditato da

Presentazione

Il dolore è un Neurotag del nostro Sistema Nervoso Centrale

Quando abbiamo dolore, diverse cellule nel sistema nervoso centrale diventano attive. Vi sono parti dell'encefalo che si attivano per aiutarci a sentire il corpo o per decidere come muovere il corpo. Quando queste aree si accendono, questa attivazione crea una attività che può essere definita come neurofirma o neurotag. Parti del cervello coinvolte nell'interpretare sensazioni, nella memoria, nelle emozioni e nei movimenti sono deputate ad innescare una risposta dolorosa o un neurotag di dolore. Occorre ricordare fermamente che il dolore non è semplicemente qualcosa che riguarda il danno tessutale, altri fattori possono aiutare ad accendere il neurotag del dolore: questo è il motivo per cui i segnali di dolore spesso non sono sufficienti per creare dolore o perché altre cose come la paura o lo stress possono contribuire al dolore dei pazienti.

 

Quando il dolore persiste

Se il dolore persiste e si fa cronico, il neurotag si attiva più facilmente, in altri termini diventa sensibilizzato e tende ad associarsi ad altri neurotag per il movimento: i pensieri, le convinzioni e le emozioni. Questo accoppiamento permette al neurotag di essere attivato più facilmente. In aggiunta a questa facilità di attivazione, altre cellule del sistema nervoso centrale o neurotag possono diventare disinibite: significa che si accendono quando non dovrebbero. Questo in termini tecnici viene chiamato smudging (letteralmente "sporcatura"), ciò può condurre ad alcune strane sensazioni che non sempre hanno senso come ad esempio:

 

• La diffusione del dolore
• Il dolore che si sposta

 

Un elemento chiave che accade è che altri fattori sono meglio associati con il dolore e questo rende il dolore più facilmente percepito: è quasi come se noi imparassimo ad avere più dolore nonostante il nostro corpo stia guarendo. Durante il corso si parlerà dello smudging e dell'associazione tra il dolore ed aspetti diversi non connessi all'infortunio. 

 

Presentazione del corso ed approccio al dolore

Questo progetto didattico di livello internazionale si propone essenzialmente di riconciliare la biomeccanica con la scienza del dolore: ricerche significative nelle neuroscienze del dolore e nel campo della biomeccanica, sembrano spesso sconvolgere il ragionamento e le giustificazioni di molti degli approcci e delle tecniche terapeutiche tradizionalmente utilizzate nelle professioni che hanno a che fare con la riabilitazione. Affrontando sia le debolezze che i punti di forza dell'approccio biomeccanico, possiamo vedere che il trattamento può essere molto più semplice, congruente con l'approccio cognitivo, con quello delle neuroscienze e aderente alla migliore pratica basata sulle prove d'efficacia. Questo corso pertanto fornisce non solo una struttura per utilizzare un approccio biomeccanico alternativo che unisce l'educazione al concetto di dolore derivato dalle neuroscienze, ma insegna anche al terapista come educare i pazienti alla scienza del dolore in un quadro di trattamento che utilizza ancora l'esercizio specifico e correttivo oltre alla terapia manuale. I terapisti apprenderanno così un modello terapeutico che semplifica il processo di valutazione ed il trattamento stesso. Gli special topics di questo corso includono l'educazione terapeutica alle neuroscienze, l'educazione al colloquio mirato alla comprensione, la valutazione e la prescrizione degli esercizi, un'introduzione alle tecniche neurodinamiche e alla GMI - Graded Motor Imagery - così come la necessaria riconcettualizzazione di terapia manuale e di esercizio terapeutico che vengono modificati sulla base del sintomo e della modificazione di esso piuttosto che guidati dalla biomeccanica.

 

Stile di apprendimento

Questo corso è un mix di una lezione basata su discussioni, case studies e aspetti pratici. In particolare le lezioni pratiche vengono utilizzate con i case studies per orientare gli interventi, tuttavia non ci sono tecniche specifiche piuttosto il punto è quello di dimostrare che la struttura proposta aiuta il terapista ad utilizzare le proprie tecniche in un modo diverso. Inoltre l'enfasi viene posta dal docente sulla condivisione di tecniche ed approcci terapeutici da parte di tutti i partecipanti della classe generando in questo modo un vero e proprio brain storming. Vengono illustrati esercizi specifici e viene dato il tempo al discente di provare questi esercizi, questo aspetto pratico aiuta il terapista ad usare le proprie esperienze e le proprie storie per adattarsi ai messaggi chiave del cambiamento del dolore e del cambiamento del comportamento del dolore stesso.

 

Obiettivi

Al termine del corso il partecipante sarà in grado di:

• Migliorare le tecniche di valutazione affinché si sia capaci di dividere il ruolo della biomeccanica da quello delle neuroscienze nel trattamento terapeutico del dolore e delle lesioni

• Apprendere specifiche tecniche di colloquio per affrontare la natura multifattoriale del dolore

• Prescrivere esercizio terapeutico, specifico e correttivo con le informazioni derivate dalla biomeccanica e dalle neuroscienze

• Semplificare le tecniche una volta trovata coerenza col modello di dolore derivato dalle neuroscienze, integrando biomeccanica e terapia manuale

• Avere mezzi immediati per coniugare il modello terapeutico derivato dalle neuroscienze al tradizionale approccio biomedico basato sulla pratica e sull'evidenza

• Avere una nuova fiducia nel lasciarsi alle spalle il modello tradizionale derivato unicamente dalla visione biomeccanica ed imparare a integrare le nuove competenze apprese

• Approcciarsi al paziente centrando il suo accesso alle cure su dispense, illustrazioni ed esercitazioni web based che rafforzano gli insegnamenti e l'approccio stesso del terapista al suo paziente

Programma

Lingua

Italiano/Inglese

Il corso, della durata di due giorni consecutivi (27-28 maggio "Physiofundamentals: Reconciling Biomechanics with Pain Science"), verrà tenuto dal docente internazionale Gregory Lehman, BKin, MSc, DC, MScPT, interamente in lingua inglese con traduzione consecutiva in italiano con orario 9.00 - 17.00 il primo giorno e 09.00 - 15.00 il secondo giorno. Sono previsti due assistenti: i dottori Vigliano De Cupis e Daniele Matarozzo, entrambi fisioterapisti specificatamente formati sul dolore e sulle neuroscienze, traduttori italiani dei tre testi pubblicati da Gregory Lehman: Pain Fundamentals, Treatment Fundamentals e Recovery Strategies.

 

1° Giorno:

08.30 - 09.00: Registrazione partecipanti

09.00 - 10.00: Lezione sui fondamentali del trattamento

● Un'alternativa al modello kinesiopatologico di trattamento

● Riproduzione di un caso clinico

● Proposta di una struttura semplificata per incorporare sia i trattamenti biomeccanici che i trattamenti psicosociali

● Parte pratica: esercizio di quindici minuti per introdurre il concetto di capacità globale di allenare il complesso di caviglia

10.00 - 11.00: Il punto della scienza del dolore e i messaggi chiave del corso

● Il principio della scienza del dolore, un approfondimento senza banalizzazione del concetto

● La rilevanza clinica diretta della scienza del dolore 

● Come consegnare al paziente i messaggi chiave

● Le tecniche di intervista per aiutare a cambiare opinioni e a modificare il comportamento

● Presentazione di case studies alla classe e proposta di risoluzione degli stessi con l'aiuto del docente e del gruppo

11.00 - 11.15: Pausa Caffè

11.15 - 12.00: Valutazione semplificata

● Riconcettualizzazione di test clinici comuni che mostrano che gran parte dei nostri test attuali possono essere modificati per essere ancora utili

● Esempi specifici che dimostrano come iniziare un trattamento significativamente specifico "quando tutto fa male" quando tutta la terapia manuale e la terapia basata sugli esercizi sono falliti

12.00 - 13.00: Quando gli argomenti relativi alla biomeccanica hanno un interesse

● Un'esplorazione dell'utilità e delle limitazioni del modello biomeccanico nella gestione del dolore e del danno

● Introduzione al modo in cui il modello biomedico attuale può essere semplificato e modificato per essere coerente con le migliori prove d'efficacia derivate sia dalla scienza del dolore che dalla scienza biomeccanica

● Esplorazione della teoria della stabilità della colonna vertebrale, della discinesia scapolare e dei modelli comuni di kinesiopatologia del dolore e della disfunzione

● Una struttura per determinare quando la qualità del movimento è importante per i dolori e le lesioni

● L'importanza dell'interruzione della consuetudine come motivo per cambiare la qualità del movimento

13.00 - 14.00: Pausa Pranzo

14.00 - 15.00: Demistificare la Terapia Manuale

● Una semplice ricerca sulla terapia manuale e sulla fisiologia che dovrebbe formare profondamente tutti gli interventi di terapia manuale

15.00 - 17.00: E' sufficiente caricarlo

● Un approccio semplificato per prescrivere gli esercizi

● L'importanza della capacità globale e delle opzioni di movimento quando è necessario

● Un approccio basato sulle prove d'efficacia per comprendere il dolore e riabilitare condizioni comuni

● Un approccio per comprendere la valutazione della sensibilità nell'esercizio fisico

● Dimostrazioni di esercizi specifici

● Case studies di temi comuni che si trovano dietro diversi approcci di trattamento: come un intervento semplificato può essere efficace

 

2° Giorno:

09.00 - 10.00: Il modello di carico di un tendine in riabilitazione

● Una revisione di temi comuni nelle tendinopatie e come tale ricerca può guidare in modo decisivo la pratica clinica

10.00 - 11.00: GMI - Graded Motor Imagery - e three faces of flexion pain: incorporare la biomeccanica nell'approccio biopsicosociale

● La biomeccanica, il carico e lo stress sono ancora importanti variabili nella gestione dei danni

● Determinare quando la biomeccanica è importante con particolare attenzione al dolore associato alla flessione

● Come utilizzare i principi di GMI - Graded Motor Imagery - per diminuire il dolore e cambiare il comportamento del movimento

Una guida al concetto di facilitazione

11.00 - 11.15: Pausa Caffè

11.15 - 12.30: Modello di modificazione dei sintomi, gestione di lesioni e dolore (prima parte)

● La capacità globale, l'approccio alla lesione e al trattamento del dolore

● Le tecniche di varie scuole di pensiero (Mulligan, ART, Myofascial Release, McGill, Sahrmann, CFT, Tendinopathy Research), dimostrate e riconcettualizzate per adattarsi ad una struttura più semplice di clinical decision making

● Trattamenti biomeccanici comuni: giustificazione di tali trattamenti all'interno di un modello alternativo

12.30 - 13.30: Pausa Pranzo

13.30 - 14.45: Modello di modificazione dei sintomi, gestione di lesioni e dolore (seconda parte)

● Proposta di una struttura e di uno strumento di ragionamento clinico semplificato per aiutare a guidare la terapia

● Modificazione dei sintomi come ragionamento clinico per guidare gli interventi terapeutici attraverso case studies

● Semplificare sia la terapia manuale, che l'esercizio fisico attraverso la comprensione dei nostri interventi più popolari

● Rifromulazione delle tecniche tradizionali di terapia manuale per massimizzare l'approccio con un intervento biopsicosociale

● Gli approcci attivi e passivi agli interventi di modificazione del sintomo: come questi approcci di terapia manuale sono supportati dall'esercizio

14:45 - 15.00: Domande e risposte, tavola rotonda, chiusura del corso e consegna dei diplomi

Informazioni

Obiettivo formativo

1 - Applicazione nella pratica quotidiana dei principi e delle procedure dell'evidence based practice (EBM-EBN-EBP)

Informazioni

Costi

- Il costo del corso è di €450 più Iva 22% ed include i tre libri di testo di Gregory Lehman tradotti e stampati in italiano che saranno consegnati durante le attività didattiche.

 

Pre iscrizioni in sconto

- Il costo del corso è scontato per i primi cinquanta pre iscritti ad €295 più Iva 22%. E' possibile pre iscriversi solo tra il 15 giugno ed il 31 dicembre 2017 e comunque fino all'esaurimento dei cinquanta posti disponibili in questa modalità, per confermare la pre iscrizione occorre versare €150 più Iva 22% di acconto e completare l'iscrizione vera e propria nel periodo che va dall'1 al 20 gennaio 2018.

 

Sconti ed offerte attive:

- Il costo del corso, in promozione Early Booking, è scontato ad €395 più Iva 22% per chi si iscrive esclusivamente tra il 21 gennaio ed il 27 aprile 2018 ovvero successivamente al periodo riservato alle pre iscrizioni.

 

- Il costo del corso per i possessori della PhisioVIP Card è ulteriormente scontato del 5% ed è quindi di €375,25 più Iva 22% per chi si iscrive esclusivamente tra il 21 gennaio ed il 27 aprile 2018, ovvero successivamente al periodo riservato alle pre iscrizioni.

 

Modalità di pagamento per i pre iscritti:

- E' possibile saldare l'importo tramite bonifico bancario in questo modo:

• €183 Iva inclusa come acconto all'atto della pre iscrizione tra il 15 giugno ed il 31 dicembre 2017 ed il resto a saldo al completamento dell'iscrizione nel periodo compreso tra l'1 ed il 20 gennaio 2018

 

Modalità di pagamento in Early Booking:

- E' possibile saldare l'importo per intero tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal, oppure rateizzarlo in questo modo:

• €150 come caparra all'atto dell'iscrizione tra il 21 gennaio ed il 27 aprile 2018 ed il resto a saldo entro dieci giorni dall'inizio del corso

 

Punteggio PhisioVIP Card

- Questo corso dà diritto a maturare 15 punti sulla PhisioVIP Card

Metodi di insegnamento

Esposizione teorica frontale con sessioni pratiche di apprendimento guidato

Procedure di valutazione

Verifica dell'apprendimento dei partecipanti con un esame pratico

Prerequisiti cognitivi

Laurea o studenti dei corsi di laurea delle categorie destinatarie del corso

Responsabili

Responsabile Scientifico

Docente

Assistente

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Allergologia ed immunologia clinica
  • Anatomia patologica
  • Anestesia e rianimazione
  • Angiologia
  • Audiologia e foniatria
  • Biochimica clinica
  • Cardiochirurgia
  • Cardiologia
  • Chirurgia Generale
  • Chirurgia Maxillo-facciale
  • Chirurgia pediatrica
  • Chirurgia plastica e ricostruttiva
  • Chirurgia toracica
  • Chirurgia vascolare
  • Continuita assistenziale
  • Cure Palliative
  • Dermatologia e venereologia
  • Direzione medica di presidio ospedaliero
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Epidemiologia
  • Farmacologia e tossicologia clinica
  • Gastroenterologia
  • Genetica medica
  • Geriatria
  • Ginecologia e ostetricia
  • Igiene degli alimenti e della nutrizione
  • Igiene, epidemiologia e sanita pubblica
  • Laboratorio di genetica medica
  • Malattie dell'apparato respiratorio
  • Malattie Infettive
  • Malattie metaboliche e diabetologia
  • Medicina aereonautica e spaziale
  • Medicina del lav. e sicurez. degli amb. di lav.
  • Medicina dello sport
  • Medicina di comunita'
  • Medicina e chirurgia di accettaz. e di urgenza
  • Medicina fisica e riabilitazione
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Medicina interna
  • Medicina legale
  • Medicina nucleare
  • Medicina termale
  • Medicina trasfusionale
  • Microbiologia e virologia
  • Nefrologia
  • Neonatologia
  • Neurochirurgia
  • Neurofisiopatologia
  • Neurologia
  • Neuropsichiatria infantile
  • Neuroradiologia
  • Oftalmologia
  • Oncologia
  • Organizzazione dei servizi sanitari di base
  • Ortopedia e traumatologia
  • Otorinolaringoiatria
  • Patologia clinica
  • Pediatria
  • Pediatria (pediatri di libera scelta)
  • Privo di specializzazione
  • Psichiatria
  • Psicoterapia
  • Radiodiagnostica
  • Radioterapia
  • Reumatologia
  • Scienza dell'alimentazione e dietetica
  • Urologia

Biologo

  • Biologo

Fisico

  • Fisica sanitaria

Psicologo

  • Psicologia
  • Psicoterapia

Fisioterapista

  • Fisioterapista

Logopedista

  • Logopedista

Podologo

  • Podologo

Tecnico della riabilitazione psichiatrica

  • Tecnico della riabilitazione psichiatrica

Tecnico di neurofisiopatologia

  • Tecnico di neurofisiopatologia

Tecnico ortopedico

  • Tecnico ortopedico

Terapista della neuro e psicomot. dell'eta ev.

  • Terapista della neuro e psicomot. dell'eta ev.

Terapista occupazionale

  • Terapista occupazionale

Studentessa/e universitaria/o

  • Studentessa/e universitaria/o
leggi tutto

Localizzazione

  • Date: 27-28 maggio 2018
  • In corso di definizione
  • In corso di definizione, 20151 Milano (MI)
  • Tel. 0761.970140 - Fax. 0761.970140

Si consiglia ai partecipanti un abbigliamento comodo al fine di poter eseguire le tecniche mostrate dal docente.